Professioni e competenze, cosa cercano le aziende Pubblicato il:19/07/2018 15:46 Le qualità più importanti, per un professionista, richieste dalle aziende, sono, sotto il profilo pratico, quelle legate al cloud e al calcolo distribuito, come anche al software middleware e di integrazione e all’analisi statistica e dei data mining, mentre le più importanti qualità professionali trasversali sono risultate essere la leadership, la comunicazione, la collaborazione e il time management.A rilevarlo LinkedIn, il più grande social network professionale al mondo, che annuncia i risultati della ricerca 'Top skill 2018', l’annuale studio relativo alle competenze più richieste dalle aziende a livello globale[1]. Evidenze, queste, che, se da una parte sottolineano come il comparto tecnologico rimanga essenziale per le hard skill, dall’altra mettono in risalto una costante crescita della necessità per i professionisti di imparare a gestire in maniera migliore il proprio tempo, al fine di poter raggiungere quell’equilibrio tra lavoro e vita privata di cui tanto si parla.Con l’avvento della tecnologia e la possibilità di abilitare politiche di smart working, infatti, le aziende cercano sempre di più lavoratori consapevoli

Continua a leggere...

Dl Dignità, Assindatcolf: Senza esclusione settore domestico aumenti per famiglie Pubblicato il:19/07/2018 15:11 "Escludere il settore domestico dagli aumenti contributivi previsti dal decreto Dignità per i rinnovi dei contratti a tempo determinato:in caso contrario, le famiglie che si affidano alle cure di badanti, baby sitter e colf rischiano di dove pagare fino a 160 euro in più l’anno".E’ questa la proposta avanzata da Assindatcolf, Associazione nazionale dei datori di lavoro domestico, aderente Confedilizia e firmataria del contratto collettivo che regola il settore, contenuta all’intero della Memoria depositata presso le commissioni Finanze e Lavoro che stanno esaminando il decreto."Il comma 2, art.3 del citato decreto prevede infatti -spiega Assindatcolf- un aumento dello 0,5% 'in occasione di ciascun rinnovo del contratto a tempo determinato, anche in somministrazione.Non avendo previsto l'esclusione del settore domestico, come normalmente avviene per i provvedimenti che introducono incentivi o agevolazioni fiscali, abbiamo chiesto che la disposizione si applichi solo a chi fruisce anche di agevolazioni e non a chi assume personale domestico". "Parliamo -sostiene- di famiglie non di imprese, in particolare di donne, che a fronte di un welfare che taglia i servizi, per conciliare

Continua a leggere...

Assunzioni in aumento nei primi 5 mesi Pubblicato il:19/07/2018 12:58 Aumentano le assunzioni nel settore privato nel periodo gennaio-maggio 2018 registrando un incremento complessivo del 9,8% rispetto allo stesso periodo del 2017.Lo rileva l'Inps[1] nel pubblicare di dati di maggio dell'Osservatorio sul precariato.In crescita risultano tutte le componenti.In particolare i contratti a tempo indeterminato salgono del 3,1%, mentre gli aumenti maggiori riguardano i contratti in somministrazione +21,5% e quelli di apprendistato +13,7%.A seguire aumenti anche per contratti a tempo determinato +8,4%, contratti stagionali +7,0% e contratti intermittenti +8,8%. Tuttavia, nei primi cinque mesi dell’anno si conferma l’aumento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato (+70.000), che registrano un forte incremento rispetto al periodo gennaio-maggio 2017 (+45,7%).In contrazione risultano, invece, i rapporti di apprendistato confermati alla conclusione del periodo formativo (-18,4%). A maggio, rispetto al mese precedente, migliora per il quinto mese consecutivo la variazione tendenziale dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato che rimane però ancora negativa (-39.000), rileva inoltre l'Inps a cui risulta positiva e

Continua a leggere...

Cassa integrazione in calo a giugno: -27,6% su anno Pubblicato il:19/07/2018 12:58 Nel mese di giugno il numero di ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate è stato pari a 19,5 milioni, in diminuzione del 27,6% rispetto allo stesso mese del 2017 (27,0 milioni).Lo rileva l'Inps[1] nel focus di luglio precisando che in data 2 giugno è stata effettuata la rilettura degli archivi, pertanto i dati pubblicati prima di tale data potrebbero aver subìto variazioni. In particolare, rileva l'istituto, le ore di cassa integrazione ordinaria autorizzate a giugno 2018 sono state 9,8 milioni.Un anno prima, nel mese di giugno 2017, erano state 10,2 milioni:di conseguenza, la variazione tendenziale è pari a -3,5%.La variazione tendenziale è stata pari a -3,4% nel settore Industria e -3,7% nel settore Edilizia.La variazione congiunturale registra nel mese di giugno 2018 rispetto al mese precedente un decremento pari al 9,4%. Quanto al numero di ore di cassa integrazione straordinaria autorizzate a giugno 2018 è stato pari a 9,6 milioni, di cui 5,1 milioni per solidarietà, registrando una diminuzione pari al

Continua a leggere...

AbbVie, al via smart working per dipendenti uffici commerciali Pubblicato il:18/07/2018 16:00 AbbVie apre le porte allo smart working.Nei prossimi mesi, a partire dal 1° ottobre, i dipendenti degli uffici commerciali dell’azienda biofarmaceutica potranno fare ricorso su base volontaria per due volte al mese al 'lavoro agile', svolto in un luogo diverso dai locali dell’azienda, grazie alla dotazione di idonei strumenti informatici.Lo smart working viene avviato in via sperimentale per un anno, al termine del quale le parti potranno valutarne l’efficacia, definire nuove modalità e dettagli in merito alla successiva applicazione.In base all’accordo sottoscritto con le rappresentanze sindacali, i dipendenti potranno utilizzare la giornata di smart working a settimane alterne e in totale due volte al mese.A tutti coloro che svolgeranno prestazioni di lavoro agile l’azienda si impegna a offrire un’adeguata formazione relativamente alle modalità e agli strumenti informatici forniti in dotazione per lo svolgimento dell’attività a distanza. L’introduzione dello smart working rappresenta un importante tassello che va aggiungersi al robusto e articolato sistema di welfare aziendale offerto da AbbVie ai dipendenti, in continua evoluzione per meglio rispondere alle esigenze di ciascuno.Particolarmente apprezzato è risultato il

Continua a leggere...

Procedure complesse e poca formazione tra limiti Suap Pubblicato il:18/07/2018 12:39 La piena operatività dei Suap (sportelli unici nelle Pa) è ancora impedita da alcune criticità come la disomogeneità delle piattaforme informatiche e dei sistemi di back office dei vari enti, la complessità delle procedure, l’insufficiente formazione degli operatori dei Suap.Emerge dalla 'Relazione annuale sulla qualità dei servizi offerti dalle PA centrali e locali a imprese e cittadini', relativa all’anno 2017 del Cnel. L'analisi sui servizi della Pa alle imprese include un aggiornamento sullo stato dell’arte dei Suap, avvalendosi di dati amministrativi provenienti da Unioncamere e da alcuni focus groups con amministratori e utenti presso il dipartimento per la Funzione Pubblica. Sensibili progressi si registrano nei ritardi dei tempi di pagamento delle amministrazioni pubbliche che restano comunque elevati.A prima vista, da una media di 180 giorni (anziché i 90 previsti nei contratti) nei confronti dei propri fornitori, a 95 nel 2017:una riduzione del 47% in poco meno di sei anni.La tendenza al miglioramento sembra tuttavia essersi interrotta.Resta molto critico tutto

Continua a leggere...

Pagina 1 di 13

© 2018 JobSocial. Tutti i diritti riservati.
powered by Officina71
Informativa sui Cookie

Questo sito web fa uso di cookie allo scopo di fornire all'utente una migliore esperienza nella navigazione delle sue pagine.

Il navigatore accetta le modalità con cui JobSocial usa i cookie.

Per saperne di più clicca qui.