Adnkronos - Lavoro - 70a9a24bec655307a0dae450c0498f40 - 2021-01-13 14:34:53

Roma, 12 gen.(Labitalia) “Una delle condizioni per far ripartire il motore dell’economia in sicurezza è ripensare il welfare.La pandemia, infatti, ha messo in evidenza non poche falle nel nostro sistema di protezione sociale, sia negli ammortizzatori (cig e Naspi) nonostante la riforma del 2015 avesse provveduto a una loro estensione, sia nel più recente reddito di cittadinanza che doveva fornire un aiuto economico alle fasce disagiate di popolazione attiva e aiutare quelli abili al lavoro a trovare occupazione”.Lo ha detto il presidente del Cnel Tiziano Treu, oggi nel corso della presentazione del XXII Rapporto sul mercato del lavoro e la contrattazione del Cnel, a cui sono intervenuti Nunzia Catalfo, ministra per il lavoro e le politiche sociali, Stefano Scarpetta, director for Employment, Labour and Social affairs dell’Ocse e i consiglieri del Cnel che hanno discusso e commentato i dati emersi. "Le parti sociali, riprendendo posizioni già espresse dal Cnel, hanno condiviso la necessità di una riforma organica che proceda verso una garanzia di sostegno al reddito per le sospensioni e riduzioni dell’attività lavorativa di tutti i lavoratori dipendenti, compresi quelli delle microimprese, con una nuova attenzione ai lavoratori autonomi, quanto

Continua a leggere...

Adnkronos - Lavoro - 70a9a24bec655307a0dae450c0498f40 - 2021-01-12 17:34:52

Roma, 12 gen.(Labitalia) “Una delle condizioni per far ripartire il motore dell’economia in sicurezza è ripensare il welfare.La pandemia, infatti, ha messo in evidenza non poche falle nel nostro sistema di protezione sociale, sia negli ammortizzatori (cig e Naspi) nonostante la riforma del 2015 avesse provveduto a una loro estensione, sia nel più recente reddito di cittadinanza che doveva fornire un aiuto economico alle fasce disagiate di popolazione attiva e aiutare quelli abili al lavoro a trovare occupazione”.Lo ha detto il presidente del Cnel Tiziano Treu, oggi nel corso della presentazione del XXII Rapporto sul mercato del lavoro e la contrattazione del Cnel, a cui sono intervenuti Nunzia Catalfo, ministra per il lavoro e le politiche sociali, Stefano Scarpetta, director for Employment, Labour and Social affairs dell’Ocse e i consiglieri del Cnel che hanno discusso e commentato i dati emersi. "Le parti sociali, riprendendo posizioni già espresse dal Cnel, hanno condiviso la necessità di una riforma organica che proceda verso una garanzia di sostegno al reddito per le sospensioni e riduzioni dell’attività lavorativa di tutti i lavoratori dipendenti, compresi quelli delle microimprese, con una nuova attenzione ai lavoratori autonomi, quanto

Continua a leggere...

Adnkronos - Lavoro - 70a9a24bec655307a0dae450c0498f40 - 2021-01-12 17:04:55

Roma, 12 gen.(Labitalia) “Una delle condizioni per far ripartire il motore dell’economia in sicurezza è ripensare il welfare.La pandemia, infatti, ha messo in evidenza non poche falle nel nostro sistema di protezione sociale, sia negli ammortizzatori (cig e Naspi) nonostante la riforma del 2015 avesse provveduto a una loro estensione, sia nel più recente reddito di cittadinanza che doveva fornire un aiuto economico alle fasce disagiate di popolazione attiva e aiutare quelli abili al lavoro a trovare occupazione”.Lo ha detto il presidente del Cnel Tiziano Treu, oggi nel corso della presentazione del XXII Rapporto sul mercato del lavoro e la contrattazione del Cnel, a cui sono intervenuti Nunzia Catalfo, ministra per il lavoro e le politiche sociali, Stefano Scarpetta, director for Employment, Labour and Social affairs dell’Ocse e i consiglieri del Cnel che hanno discusso e commentato i dati emersi. "Le parti sociali, riprendendo posizioni già espresse dal Cnel, hanno condiviso la necessità di una riforma organica che proceda verso una garanzia di sostegno al reddito per le sospensioni e riduzioni dell’attività lavorativa di tutti i lavoratori dipendenti, compresi quelli delle microimprese, con una nuova attenzione ai lavoratori autonomi, quanto

Continua a leggere...

Adnkronos - Lavoro - 96e3ac862d40b4d431ece05d442634db - 2021-01-11 19:34:33

Roma, 11 gen.(Adnkronos/Labitalia) Nuovi ristori per 5 miliardi di euro, raddoppiati rispetto a quelli erogati nel 2020.Insieme a misure per gli affitti e al prolungamento della cassa integrazione.Sono le richieste che arrivano da bar e ristoranti, che dicono basta alle indiscrezioni sulla stampa sulle prossime restrizioni per contrastare la pandemia."Io credo che il governo -spiega ad Adnkronos/Labitalia Roberto Calugi, direttore generale di Fipe Confcommercio, l'organizzazione di categoria di bar, ristoranti e locali d'intrattenimento- farebbe bene a iniziare la settimana controllando il territorio invece di massacrare un settore che invece è già di suo massacrato.E' il caso di dire 'Basta', la misura è colma.Se il governo vuole vedere centinaia di migliaia di persone che vengono in piazza a protestare verso modalità che sono incomprensibili, allora questo è il modo giusto.Non ne possiamo veramente più.Nessuno ci coinvolge e la mattina ci vediamo le notizie sui giornali", riferendosi all'ipotesi dello stop all'asporto dopo le 18 per i bar. "Ma il problema -sottolinea Calugi- è l'asporto dei bar e dei ristoranti dopo le 18?Mi viene da ridere...La questione è che se ci sono dei bar e dei ristoranti,

Continua a leggere...

Adnkronos - Lavoro - 96e3ac862d40b4d431ece05d442634db - 2021-01-11 20:04:40

Roma, 11 gen.(Adnkronos/Labitalia) Nuovi ristori per 5 miliardi di euro, raddoppiati rispetto a quelli erogati nel 2020.Insieme a misure per gli affitti e al prolungamento della cassa integrazione.Sono le richieste che arrivano da bar e ristoranti, che dicono basta alle indiscrezioni sulla stampa sulle prossime restrizioni per contrastare la pandemia."Io credo che il governo -spiega ad Adnkronos/Labitalia Roberto Calugi, direttore generale di Fipe Confcommercio, l'organizzazione di categoria di bar, ristoranti e locali d'intrattenimento- farebbe bene a iniziare la settimana controllando il territorio invece di massacrare un settore che invece è già di suo massacrato.E' il caso di dire 'Basta', la misura è colma.Se il governo vuole vedere centinaia di migliaia di persone che vengono in piazza a protestare verso modalità che sono incomprensibili, allora questo è il modo giusto.Non ne possiamo veramente più.Nessuno ci coinvolge e la mattina ci vediamo le notizie sui giornali", riferendosi all'ipotesi dello stop all'asporto dopo le 18 per i bar. "Ma il problema -sottolinea Calugi- è l'asporto dei bar e dei ristoranti dopo le 18?Mi viene da ridere...La questione è che se ci sono dei bar e dei ristoranti,

Continua a leggere...

Adnkronos - Lavoro - 96e3ac862d40b4d431ece05d442634db - 2021-01-11 20:34:34

Roma, 11 gen.(Adnkronos/Labitalia) Nuovi ristori per 5 miliardi di euro, raddoppiati rispetto a quelli erogati nel 2020.Insieme a misure per gli affitti e al prolungamento della cassa integrazione.Sono le richieste che arrivano da bar e ristoranti, che dicono basta alle indiscrezioni sulla stampa sulle prossime restrizioni per contrastare la pandemia."Io credo che il governo -spiega ad Adnkronos/Labitalia Roberto Calugi, direttore generale di Fipe Confcommercio, l'organizzazione di categoria di bar, ristoranti e locali d'intrattenimento- farebbe bene a iniziare la settimana controllando il territorio invece di massacrare un settore che invece è già di suo massacrato.E' il caso di dire 'Basta', la misura è colma.Se il governo vuole vedere centinaia di migliaia di persone che vengono in piazza a protestare verso modalità che sono incomprensibili, allora questo è il modo giusto.Non ne possiamo veramente più.Nessuno ci coinvolge e la mattina ci vediamo le notizie sui giornali", riferendosi all'ipotesi dello stop all'asporto dopo le 18 per i bar. "Ma il problema -sottolinea Calugi- è l'asporto dei bar e dei ristoranti dopo le 18?Mi viene da ridere...La questione è che se ci sono dei bar e dei ristoranti,

Continua a leggere...

Adnkronos - Lavoro - 96e3ac862d40b4d431ece05d442634db - 2021-01-11 21:04:38

Roma, 11 gen.(Adnkronos/Labitalia) Nuovi ristori per 5 miliardi di euro, raddoppiati rispetto a quelli erogati nel 2020.Insieme a misure per gli affitti e al prolungamento della cassa integrazione.Sono le richieste che arrivano da bar e ristoranti, che dicono basta alle indiscrezioni sulla stampa sulle prossime restrizioni per contrastare la pandemia."Io credo che il governo -spiega ad Adnkronos/Labitalia Roberto Calugi, direttore generale di Fipe Confcommercio, l'organizzazione di categoria di bar, ristoranti e locali d'intrattenimento- farebbe bene a iniziare la settimana controllando il territorio invece di massacrare un settore che invece è già di suo massacrato.E' il caso di dire 'Basta', la misura è colma.Se il governo vuole vedere centinaia di migliaia di persone che vengono in piazza a protestare verso modalità che sono incomprensibili, allora questo è il modo giusto.Non ne possiamo veramente più.Nessuno ci coinvolge e la mattina ci vediamo le notizie sui giornali", riferendosi all'ipotesi dello stop all'asporto dopo le 18 per i bar. "Ma il problema -sottolinea Calugi- è l'asporto dei bar e dei ristoranti dopo le 18?Mi viene da ridere...La questione è che se ci sono dei bar e dei ristoranti,

Continua a leggere...

Adnkronos - Lavoro - 96e3ac862d40b4d431ece05d442634db - 2021-01-11 21:34:50

Roma, 11 gen.(Adnkronos/Labitalia) Nuovi ristori per 5 miliardi di euro, raddoppiati rispetto a quelli erogati nel 2020.Insieme a misure per gli affitti e al prolungamento della cassa integrazione.Sono le richieste che arrivano da bar e ristoranti, che dicono basta alle indiscrezioni sulla stampa sulle prossime restrizioni per contrastare la pandemia."Io credo che il governo -spiega ad Adnkronos/Labitalia Roberto Calugi, direttore generale di Fipe Confcommercio, l'organizzazione di categoria di bar, ristoranti e locali d'intrattenimento- farebbe bene a iniziare la settimana controllando il territorio invece di massacrare un settore che invece è già di suo massacrato.E' il caso di dire 'Basta', la misura è colma.Se il governo vuole vedere centinaia di migliaia di persone che vengono in piazza a protestare verso modalità che sono incomprensibili, allora questo è il modo giusto.Non ne possiamo veramente più.Nessuno ci coinvolge e la mattina ci vediamo le notizie sui giornali", riferendosi all'ipotesi dello stop all'asporto dopo le 18 per i bar. "Ma il problema -sottolinea Calugi- è l'asporto dei bar e dei ristoranti dopo le 18?Mi viene da ridere...La questione è che se ci sono dei bar e dei ristoranti,

Continua a leggere...

©2021 JobSocial - Tutti i diritti riservati
powered by Officina71