Adnkronos - Lavoro - 7ccdfd4adcd54cb737fc71d16ab424fe - 2021-01-13 17:35:01

Roma, 13 gen.(Labitalia) Nelle regioni italiane dilaga la protesta #ioapro1501 che riunisce migliaia di ristoratori che hanno deciso di riaprire locali e ristoranti nonostante lo stop imposto dal governo.Un esito che le associazioni di categoria, a partire dalla confederazione Sistema Impresa che rappresenta 160mila micro e piccole aziende del terziario in tutta Italia, hanno cercato di prevenire ma come, spiega il presidente di SI Berlino Tazza, in assenza di una posizione costruttiva da parte del governo, “non è stato possibile evitare”.“Bisogna innanzitutto capire - continua il presidente Tazza - per quale ragione moltissimi imprenditori onesti decidano, a un certo punto, di riaprire l’attività e non rispettare i divieti del governo.Non stiamo parlando di delinquenti incalliti ma di professionisti che sono giunti al limite della sopravvivenza e che rischiano, da un momento all’altro, di trovarsi in mezzo alla strada con i propri collaboratori e le proprie famiglie.Il motivo della reazione, a mio avviso, è da rintracciarsi nella strategia perseguita dal governo che risulta ormai da mesi confusa, assurda e lontana dalla realtà”. La confederazione ha più volte sottolineato come "nella strategia condotta dall’esecutivo si evidenzino alcuni aspetti critici che

Continua a leggere...

©2021 JobSocial - Tutti i diritti riservati
powered by Officina71